31 bibliotecaContinuano le attività del comitato Leggere Tra Le Ruspe, che oggi ha presentato un documento dedicato alla situazione del servizio informatico nelle biblioteche di Parma, mettendolo a confronto con quello presente a Reggio Emilia.
Parlando con il personale della Biblioteca e del Centro Elaborazione Dati (CED) del Comune di Reggio Emilia abbiamo appreso come funziona il loro sistema informatico:

La sala telematica della biblioteca "Panizzi" è dotata di circa trenta postazioni pubbliche, da cui gli utenti possono accedere ad Internet e/o accedere al catalogo della biblioteca.

Il Comune di Reggio Emilia, come molti altri comuni, ha dovuto affrontare il problema del costo della continua manutenzione necessaria su queste postazioni pubbliche (che usavano Microsoft Windows XP) dovuta a problemi di sicurezza o a malfunzionamenti del software.

Dopo aver effettuato una ricerca, il Comune ha valutato alcune soluzioni con prodotti software a pagamento, ma le ha dovute scartare perché costose e poco efficaci. Successivamente il Comune ha escluso anche la possibilità di aggiornare l'intero sistema operativo Microsoft Windows, perché questo avrebbe richiesto di sostituire anche le postazioni fisse.

Tra le soluzioni adottabili è stata valutata anche possibilità di utilizzare il Software Libero GNU/Linux, non solo perché è gratuito e liberamente modificabile, ma anche perché è immune ai più diffusi virus che affliggono i sistemi Microsoft.
Grazie alla buona volontà di alcuni dipendenti del CED, si è installata sui vecchi computer una versione personalizzata di una distribuzione GNU/Linux di nome Knoppix.

Le caratteristiche principali del sistema finale ottenuto sono le seguenti:

  • l'utente deve solo saper cliccare sull'icona del programma di navigazione (browser)
  • l'utente usa la macchina senza password, e non può essere amministratore del computer
  • l'utente accede al web tramite autenticazione al sistema regionale (Federa).
  • l'utente non può salvare nulla sul computer, ma può salvare dati su una propria chiavetta usb
  • in caso di problemi software, basta riavviare il computer per riavere un sistema "come nuovo".
  • in caso di difficoltà è presente un addetto della biblioteca per dare qualche consiglio sull'utilizzo.

Il sistema operativo ottenuto è stato mantenuto aggiornato in questi ultimi due anni, e non ha mai dato problemi di tipo software: il tecnico deve  intervenire solo in caso di guasto a un componente fisico del computer.

Visto il successo della soluzione, il sistema GNU/Linux personalizzato è stato portato anche all'interno di alcune scuole elementari del Comune di Reggio (circa 40 postazioni) con alcune piccole modifiche.

Considerati i continui aumenti dei costi delle licenze del nuovo pacchetto Microsoft Office e la drastica riduzione delle proprie risorse economiche, il Comune di Reggio Emilia non si è fermato qui sull'utilizzo del Software Libero. Recentemente è stato installato LibreOffice su molte delle postazioni di lavoro e i dipendenti comunali hanno potuto seguire un corso di formazione sul suo utilizzo.

Secondo i dipendenti del CED l'utilizzo del Software Libero potrebbe portare vantaggi anche ad altre amministrazioni pubbliche, che spesso devono affrontare gli stessi problemi tecnici, sempre con molta fatica e con pochissime risorse (ad esempio i comuni della stessa provincia).
Probabilmente il coordinamento degli sforzi in questo senso potrebbe portare ad una diffusione e ad un miglioramento dei risultati ottenuti, proprio secondo lo stesso spirito di collaborazione che ha fatto crescere fino ad oggi il Software Libero.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
This question is for testing whether you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.